“Quando l’altro tace” o del silenzio in traduzione