Con l’approvazione della L. 205/2017 e la sua entrata in vigore il 1° gennaio 2018 molti atenei italiani si sono attivati per realizzare i corsi intensivi di formazione, ormai noti come “corsi 60 CFU”, attraverso i quali gli educatori in servizio da almeno 3 anni ma privi del titolo di laurea L-19 (ora obbligatorio per svolgere ruoli educativi, sia nel pubblico che nel privato) possono “sanare” la loro posizione e acquisire la qualifica di “educatore socio-pedagogico”. Se da un lato questo provvedimento è stato percepito come un obbligo per i tanti educatori che garantiscono la sopravvivenza degli stessi servizi in cui sono implicati, dall’altro esso è stato accolto come una preziosa occasione di formazione ma anche di reinvestimento delle motivazioni alla base della scelta del lavoro educativo. E se da un lato l’impegno degli atenei nella predisposizione di questi percorsi è stato un unicum, specialmente per le modalità realizzative senza precedenti, date le caratteristiche dei potenziali fruitori, dall’altro tale impegno ha dato vita ad una impresa nel contempo scientifica e culturale. Il contributo vuole portare l’attenzione sulla recente storia dei corsi “60 CFU”, sulla loro genesi e sulla loro attualità (senza dimenticare che la sanatoria ha una durata triennale ed andrà a concludersi proprio con il 1° gennaio 2021) e avanzare le prime riflessioni di contenuto esperienziale a partire dall’analisi del primo percorso attivato dall’ateneo triestino nell’anno accademico 2018/2019. Coloro che, infatti, hanno concluso il percorso ottenendo la qualifica vanno a portare ora, nei contesti dell’educazione e della cura, una diversa consapevolezza del loro agire: l’attesa è che, come auspicato dalla Senatrice Iori, firmataria della prima proposta di legge sulle figure educative, tale consapevolezza porti un significativo aumento della qualità educativa nei servizi e ricada come “bene culturale” sull’intera comunità sociale.

L'impresa scientifica e culturale dei "60 CFU"

Elisabetta Madriz
2020

Abstract

Con l’approvazione della L. 205/2017 e la sua entrata in vigore il 1° gennaio 2018 molti atenei italiani si sono attivati per realizzare i corsi intensivi di formazione, ormai noti come “corsi 60 CFU”, attraverso i quali gli educatori in servizio da almeno 3 anni ma privi del titolo di laurea L-19 (ora obbligatorio per svolgere ruoli educativi, sia nel pubblico che nel privato) possono “sanare” la loro posizione e acquisire la qualifica di “educatore socio-pedagogico”. Se da un lato questo provvedimento è stato percepito come un obbligo per i tanti educatori che garantiscono la sopravvivenza degli stessi servizi in cui sono implicati, dall’altro esso è stato accolto come una preziosa occasione di formazione ma anche di reinvestimento delle motivazioni alla base della scelta del lavoro educativo. E se da un lato l’impegno degli atenei nella predisposizione di questi percorsi è stato un unicum, specialmente per le modalità realizzative senza precedenti, date le caratteristiche dei potenziali fruitori, dall’altro tale impegno ha dato vita ad una impresa nel contempo scientifica e culturale. Il contributo vuole portare l’attenzione sulla recente storia dei corsi “60 CFU”, sulla loro genesi e sulla loro attualità (senza dimenticare che la sanatoria ha una durata triennale ed andrà a concludersi proprio con il 1° gennaio 2021) e avanzare le prime riflessioni di contenuto esperienziale a partire dall’analisi del primo percorso attivato dall’ateneo triestino nell’anno accademico 2018/2019. Coloro che, infatti, hanno concluso il percorso ottenendo la qualifica vanno a portare ora, nei contesti dell’educazione e della cura, una diversa consapevolezza del loro agire: l’attesa è che, come auspicato dalla Senatrice Iori, firmataria della prima proposta di legge sulle figure educative, tale consapevolezza porti un significativo aumento della qualità educativa nei servizi e ricada come “bene culturale” sull’intera comunità sociale.
978-88-6760-767-9
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
L'impresa scientifica e culturale dei 60 CFU.pdf

non disponibili

Descrizione: Contributo
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 219.04 kB
Formato Adobe PDF
219.04 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/3028467
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact