L’internazionalizzazione è storicamente al centro delle strategie di crescita di Snaidero Rino Spa, produttore di cucine componibili di fascia premium, con sede a Majano (UD), da sempre sinonimo di innovazione nel design, oltre che simbolo del Made in Italy nel mondo. La Cina è ormai da molti anni percepita dall’azienda come un mercato in grado di offrire grandi opportunità, dove il settore dell’arredamento, incluso il segmento delle cucine componibili, è cresciuto costantemente anche grazie alla crescita dell’edilizia residenziale. Snaidero entra in Cina all’inizio degli anni duemila. Nonostante gli sforzi, le vendite non sono mai decollate verso i livelli attesi. Nel frattempo, il consumatore cinese si è evoluto, è diventato più attento al brand e al design, le superfici abitative sono cambiate. Malgrado la concorrenza globale e locale sia diventata sempre più forte e le dinamiche distributive più complesse, i vertici dell’azienda ritengono che la Cina sia un mercato a cui non si possa rinunciare. Ma perché le scelte passate non si sono rivelate vincenti? Quali sono i punti di forza e di debolezza dell’azienda in un mercato difficile da interpretare e in continua evoluzione? Quale modalità d’entrata è oggi più idonea per un marchio premium, simbolo di innovazione e di design? I punti su cui riflettere sono molteplici. Quello che è certo è che serve una strategia chiara e condivisa, che possa garantire la presenza e la crescita futura di Snaidero quale marchio leader del Made in Italy in Cina.

SNAIDERO in Cina: quale strategia di entrata per valorizzare l'innovazione e il design italiano

bortoluzzi guido;vianelli donata
2022-01-01

Abstract

L’internazionalizzazione è storicamente al centro delle strategie di crescita di Snaidero Rino Spa, produttore di cucine componibili di fascia premium, con sede a Majano (UD), da sempre sinonimo di innovazione nel design, oltre che simbolo del Made in Italy nel mondo. La Cina è ormai da molti anni percepita dall’azienda come un mercato in grado di offrire grandi opportunità, dove il settore dell’arredamento, incluso il segmento delle cucine componibili, è cresciuto costantemente anche grazie alla crescita dell’edilizia residenziale. Snaidero entra in Cina all’inizio degli anni duemila. Nonostante gli sforzi, le vendite non sono mai decollate verso i livelli attesi. Nel frattempo, il consumatore cinese si è evoluto, è diventato più attento al brand e al design, le superfici abitative sono cambiate. Malgrado la concorrenza globale e locale sia diventata sempre più forte e le dinamiche distributive più complesse, i vertici dell’azienda ritengono che la Cina sia un mercato a cui non si possa rinunciare. Ma perché le scelte passate non si sono rivelate vincenti? Quali sono i punti di forza e di debolezza dell’azienda in un mercato difficile da interpretare e in continua evoluzione? Quale modalità d’entrata è oggi più idonea per un marchio premium, simbolo di innovazione e di design? I punti su cui riflettere sono molteplici. Quello che è certo è che serve una strategia chiara e condivisa, che possa garantire la presenza e la crescita futura di Snaidero quale marchio leader del Made in Italy in Cina.
9788891928016
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
SNAIDERO_caso+di+studio.pdf

Accesso chiuso

Descrizione: contributo
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 648.64 kB
Formato Adobe PDF
648.64 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11368/3029054
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact