Per Dardi gli schemi a bande non regolano più semplicemente la giacitura, fanno emergere gli strati della storia dell’uomo come reperti archeologici, estraggono la forma della terra, la topografia del suolo, e gli edifici, le cerniere, i recinti, i solidi primari, vi galleggiano sopra, secondo il pavilion system, appunto lungo fasce binarie, quando diventano vere e proprie trincee di scavo. Infatti le configurazioni a bande, usate da Dardi come scavo archeologico (ad esempio nel progetto Gernika o in quello per la Valle del Faul), «per via di levare»50, fanno apparire o sparire il contesto e il progetto, rideterminando così inedite porzioni dell’esistente in infiniti tasselli che integrano tutto (sono loro il nuovo), che instaurano nuove misure e nuove relazioni (vicino lontano) tra preesistenze e nuove architetture, ormai non più distinguibili, perché lo scavo, la configurazione, ha rimescolato gli strati in tasselli... ed è diventato tutto progetto. La “scelta configurazionale” non è più generatrice di tipi, ma di segni, segni che determinano figure, e le figure sono, non solo per Dardi, significati, senso, «retorica del simbolo, eloquenza del segno»51, … parole di un nuovo linguaggio. Così, come nel Canto/ Controcanto Dardi-Paolini di cui ci parla Filiberto Menna, la tassellatura è diventata un’opera aperta, la matrice di un grande disegno culturale.

Costantino Dardi. La tassellatura terrestre

Adriano Venudo
2022

Abstract

Per Dardi gli schemi a bande non regolano più semplicemente la giacitura, fanno emergere gli strati della storia dell’uomo come reperti archeologici, estraggono la forma della terra, la topografia del suolo, e gli edifici, le cerniere, i recinti, i solidi primari, vi galleggiano sopra, secondo il pavilion system, appunto lungo fasce binarie, quando diventano vere e proprie trincee di scavo. Infatti le configurazioni a bande, usate da Dardi come scavo archeologico (ad esempio nel progetto Gernika o in quello per la Valle del Faul), «per via di levare»50, fanno apparire o sparire il contesto e il progetto, rideterminando così inedite porzioni dell’esistente in infiniti tasselli che integrano tutto (sono loro il nuovo), che instaurano nuove misure e nuove relazioni (vicino lontano) tra preesistenze e nuove architetture, ormai non più distinguibili, perché lo scavo, la configurazione, ha rimescolato gli strati in tasselli... ed è diventato tutto progetto. La “scelta configurazionale” non è più generatrice di tipi, ma di segni, segni che determinano figure, e le figure sono, non solo per Dardi, significati, senso, «retorica del simbolo, eloquenza del segno»51, … parole di un nuovo linguaggio. Così, come nel Canto/ Controcanto Dardi-Paolini di cui ci parla Filiberto Menna, la tassellatura è diventata un’opera aperta, la matrice di un grande disegno culturale.
978-88-5511-188-1
978-88-5511-189-8
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Venudo_La tassellatura terrestre_Dardi.pdf

accesso aperto

Descrizione: pdf del saggio
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione 1.01 MB
Formato Adobe PDF
1.01 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11368/3030299
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact