La parola paesaggio, come anche il suo significato sono relativamente giovani, tuttavia è un termine già molto utilizzato, per alcuni versi anche già sfruttato, perché è un concetto molto largo che si presta ad essere usato anche in senso lato, e in quanto ricco e composito si presta a significare concetti anche contraddittori. Da qui il tentativo, proprio in occasione del convegno internazionale di Napoli "Il paesaggio al centro", di ragionare sulle origini del termine paesaggio attraverso le parole che lo hanno fatto nascere e accompagnato: Territorio, Ambiente, Spazio, Luogo. Cinque parole che utilizziamo spesso, volontariamente o involontariamente, come sinonimi, ma che non lo sono, o meglio che assieme contribuiscono a fondare un nucleo di significato, complesso e a volte sfuocato, con continui e reciproci rimandi. Il saggio indaga come queste cinque parole che usiamo – assieme - per cercare di descrivere il “fenomeno del paesaggio” rivelino qualcosa della nostra attesa. Un’aspettativa di completezza? Le usiamo assieme perché sono una polarità? Gli studi mono-disciplinari sul territorio, sull’ambiente, sullo spazio e sul paesaggio sono progrediti negli ultimi decenni, forse quella che è rimasta indietro è la nostra comprensione del paesaggio contemporaneamente come strumento e come idea, idea che però si sta consumando, seppur appresa e conosciuta, grazie al suo uso (o forse abuso?). Ecco perché ripartire dal significato originario di queste parole attraverso "realtà e interpretazione".

Cinque parole per il paesaggio

Adriano Venudo
2022

Abstract

La parola paesaggio, come anche il suo significato sono relativamente giovani, tuttavia è un termine già molto utilizzato, per alcuni versi anche già sfruttato, perché è un concetto molto largo che si presta ad essere usato anche in senso lato, e in quanto ricco e composito si presta a significare concetti anche contraddittori. Da qui il tentativo, proprio in occasione del convegno internazionale di Napoli "Il paesaggio al centro", di ragionare sulle origini del termine paesaggio attraverso le parole che lo hanno fatto nascere e accompagnato: Territorio, Ambiente, Spazio, Luogo. Cinque parole che utilizziamo spesso, volontariamente o involontariamente, come sinonimi, ma che non lo sono, o meglio che assieme contribuiscono a fondare un nucleo di significato, complesso e a volte sfuocato, con continui e reciproci rimandi. Il saggio indaga come queste cinque parole che usiamo – assieme - per cercare di descrivere il “fenomeno del paesaggio” rivelino qualcosa della nostra attesa. Un’aspettativa di completezza? Le usiamo assieme perché sono una polarità? Gli studi mono-disciplinari sul territorio, sull’ambiente, sullo spazio e sul paesaggio sono progrediti negli ultimi decenni, forse quella che è rimasta indietro è la nostra comprensione del paesaggio contemporaneamente come strumento e come idea, idea che però si sta consumando, seppur appresa e conosciuta, grazie al suo uso (o forse abuso?). Ecco perché ripartire dal significato originario di queste parole attraverso "realtà e interpretazione".
9788862425322
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
cinque parole per il paesaggio_venudo_2022.pdf

non disponibili

Descrizione: pdf del saggio
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 5.74 MB
Formato Adobe PDF
5.74 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11368/3032938
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact