L’architettura pubblica del tempo del fascismo è fatta per durare. Nelle intenzioni di Mussolini essa si propone di tramandare ai posteri i valori della civiltà fascista. Con queste scenografie di pietra il dittatore ha l’ambizione di ipotecare la costruzione dell’identità nazionale per le generazioni future. Questo saggio esamina alcuni episodi, ritenuti tra i più significativi, di questa questione: la ricerca di uno «stile» architettonico identitario del fascismo, testimonianza duratura di un’epoca da trasmettere ai posteri.

Architetture per durare

Nicoloso Paolo
2022-01-01

Abstract

L’architettura pubblica del tempo del fascismo è fatta per durare. Nelle intenzioni di Mussolini essa si propone di tramandare ai posteri i valori della civiltà fascista. Con queste scenografie di pietra il dittatore ha l’ambizione di ipotecare la costruzione dell’identità nazionale per le generazioni future. Questo saggio esamina alcuni episodi, ritenuti tra i più significativi, di questa questione: la ricerca di uno «stile» architettonico identitario del fascismo, testimonianza duratura di un’epoca da trasmettere ai posteri.
9791254691908
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Architetture per durare Viella copia.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 355.99 kB
Formato Adobe PDF
355.99 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11368/3036663
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact