“Malattia da Amalgama”: realtà o immaginazione ?