Da Ravenna alla Sicilia, da Giustiniano a Giustino II: alcune considerazioni sul decanummo MIBE 238 (1-2)