Presenza di "folles anonimi" in Italia Settentrionale: un'ipotesi interpretativa