Muovendo dalla sent. n. 238 del 1996, che ha dichiarato l'incostituzionalità di una norma del codice di procedura penale in quanto non conforme alle previsioni di cui all'art. 13 della Costituzione, ci si interroga sul rapporto tra prelievi ematici coattivi e disciplina della libertà personale. In quest'ottica si esamina l'iter argomentativo messo in campo dalla Corte e se ne valuta la persuasività.

Libertà personale e prelievi ematici coattivi

DOLSO, GIAN PAOLO
1996

Abstract

Muovendo dalla sent. n. 238 del 1996, che ha dichiarato l'incostituzionalità di una norma del codice di procedura penale in quanto non conforme alle previsioni di cui all'art. 13 della Costituzione, ci si interroga sul rapporto tra prelievi ematici coattivi e disciplina della libertà personale. In quest'ottica si esamina l'iter argomentativo messo in campo dalla Corte e se ne valuta la persuasività.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/1693278
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact