Il "caso Svevo" nell'ex-Unione sovietica