L'immagine di Ercole musicista costituisce senza dubbio un elemento particolare e minore dell'iconografia antica. La tradizione classica, infatti, non attribuisce all'eroe il ruolo di conoscitore e amante dell'arte della musica, tranne in casi particolari. Dall'Atene di Pisistrato alla Roma tardo-repubblicana, passando attraverso la Taranto di Archita, si dipana un percorso che conette l'eroe musico, simbolo pitagorico per eccellenza e perfetta sintesi di potenza e saggezza, alla volontà di autopromozione politica di alcuni ambiziosi politici della fine dell'età repubblicana a Roma.

Manipolazioni del mito e tradizione: il caso di Ercole musico

FONTANA, Federica
2004

Abstract

L'immagine di Ercole musicista costituisce senza dubbio un elemento particolare e minore dell'iconografia antica. La tradizione classica, infatti, non attribuisce all'eroe il ruolo di conoscitore e amante dell'arte della musica, tranne in casi particolari. Dall'Atene di Pisistrato alla Roma tardo-repubblicana, passando attraverso la Taranto di Archita, si dipana un percorso che conette l'eroe musico, simbolo pitagorico per eccellenza e perfetta sintesi di potenza e saggezza, alla volontà di autopromozione politica di alcuni ambiziosi politici della fine dell'età repubblicana a Roma.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/1693968
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 1
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact