Sefarditi, marrani e schlemihle, Sul ‘Rabbi di Bacherach’ di Heinrich Heine