Non sappiamo se il reverendo Thomas Bayes (1702-1761) abbia mai messo piede in un ospedale. Tuttavia, a due secoli e mezzo dalla sua morte, Bayes è certamente entrato in corsia dove si sta ambientando piuttosto bene. Negli ultimi decenni, infatti, il cosiddetto approccio bayesiano alla razionalità - caratterizzato da un certo numero di idee e principi, relativi all’uso delle probabilità nella formazione di opinioni e decisioni razionali, che si possono far risalire a Bayes - ha trovato crescenti applicazioni nella pratica clinica. All’incirca negli stessi anni in cui Bayes effettuava le sue ricerche, un altro ecclesiastico, il vescovo Joseph Butler (1736), coniò il celebre motto che le probabilità sono la nostra guida nella vita. Chi condivide questo motto potrà facilmente ammettere che le probabilità devono venire utilizzate anche, e forse soprattutto, in quei luoghi, come le corsie degli ospedali e le aule dei tribunali, dove si prendono decisioni che si riferiscono non di rado a questioni di vita e di morte.1 Ci occuperemo qui di alcuni problemi relativi all’applicazione dell’approccio bayesiano nella pratica clinica. Nel primo paragrafo verranno illustrati i principi fondamentali della teoria bayesiana della razionalità, i quali specificano il ruolo delle probabilità nella razionalità cognitiva e pratica. Nel secondo paragrafo considereremo l’applicazione dell’approccio bayesiano all’analisi delle opinioni e delle decisioni cliniche. In particolare, sosterremo che le “giuste” probabilità da utilizzare nella pratica clinica devono venire individuate sulla base dell’evidenza totale a disposizione del medico e, sulla scorta di questa tesi, suggeriremo che la concezione bayesiana della razionalità medica può venire integrata con un recente approccio alla pratica clinica noto come Evidence Based Medicine, o EBM.

Il reverendo Thomas Bayes entra in corsia. L’uso dell’evidenza nella pratica clinica

FESTA, Roberto
2005

Abstract

Non sappiamo se il reverendo Thomas Bayes (1702-1761) abbia mai messo piede in un ospedale. Tuttavia, a due secoli e mezzo dalla sua morte, Bayes è certamente entrato in corsia dove si sta ambientando piuttosto bene. Negli ultimi decenni, infatti, il cosiddetto approccio bayesiano alla razionalità - caratterizzato da un certo numero di idee e principi, relativi all’uso delle probabilità nella formazione di opinioni e decisioni razionali, che si possono far risalire a Bayes - ha trovato crescenti applicazioni nella pratica clinica. All’incirca negli stessi anni in cui Bayes effettuava le sue ricerche, un altro ecclesiastico, il vescovo Joseph Butler (1736), coniò il celebre motto che le probabilità sono la nostra guida nella vita. Chi condivide questo motto potrà facilmente ammettere che le probabilità devono venire utilizzate anche, e forse soprattutto, in quei luoghi, come le corsie degli ospedali e le aule dei tribunali, dove si prendono decisioni che si riferiscono non di rado a questioni di vita e di morte.1 Ci occuperemo qui di alcuni problemi relativi all’applicazione dell’approccio bayesiano nella pratica clinica. Nel primo paragrafo verranno illustrati i principi fondamentali della teoria bayesiana della razionalità, i quali specificano il ruolo delle probabilità nella razionalità cognitiva e pratica. Nel secondo paragrafo considereremo l’applicazione dell’approccio bayesiano all’analisi delle opinioni e delle decisioni cliniche. In particolare, sosterremo che le “giuste” probabilità da utilizzare nella pratica clinica devono venire individuate sulla base dell’evidenza totale a disposizione del medico e, sulla scorta di questa tesi, suggeriremo che la concezione bayesiana della razionalità medica può venire integrata con un recente approccio alla pratica clinica noto come Evidence Based Medicine, o EBM.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/1694480
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact