Sulla spiegazione degli effetti dimensionali del completamento amodale