Quale fenomenologia per la scienza cognitiva?