Momenti d’ozio: due allegorie e una salviettina di carta