Ancora sulla delibazione di sentenze ecclesiastiche