Dalla filologia totale alla nuova storia politica. Un ricordo di Ettore Lepore