L’urgenza nel carcinoma colorettale: un fattore prognostico negativo?