Sulle radici storiche dell’Ontologia della libertà