Qualche riflessione sulla linguistica dei «corpora»: a proposito di un libro recente