Tra Ermes di Colloredo e Pietro Zorutti