Aspettative morali legittime: glosse al paragrafo 48 di Una teoria della giustizia di J. Rawls