Società "di comodo": dov'è la capacità economica?