La malattia della distanza. Novalis e la Frauenphilosophie, parte seconda