Scrivere la decostruzione. Derrida e la privatizzazione della filosofia