In questo saggio si riflette sull'esperienza della traduzione dei dialettalismi e delle lingue inventate nella versione spagnola di "Baudolino" di Umberto Eco.Partendo dalla funzione umoristica e parodica e passando dagli esercizi letterari metasemantici, si descrive un meccanismo di apropriazione e resa traduttiva che richiama anche i meccanismi della traduzione medievale.

Cuando el traductor empieza a inventar: creación léxica en la versión española de Baudolino de Umberto Eco

LOZANO MIRALLES, HELENA
2007-01-01

Abstract

In questo saggio si riflette sull'esperienza della traduzione dei dialettalismi e delle lingue inventate nella versione spagnola di "Baudolino" di Umberto Eco.Partendo dalla funzione umoristica e parodica e passando dagli esercizi letterari metasemantici, si descrive un meccanismo di apropriazione e resa traduttiva che richiama anche i meccanismi della traduzione medievale.
2007
http://club.it/culture/edizione2007/08_culture_internet.pdf
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11368/2310798
 Avviso

Registrazione in corso di verifica.
La registrazione di questo prodotto non è ancora stata validata in ArTS.

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact