Crediti verso la clientela e presunzione di percezione degli interessi: un principio di diritto non generalizzabile