La scivolosa soglia dei diritti inviolabili