Ricognizione sulla formazione d'autore di un regista, Valerio Zurlini, avvenuta, come frequentemente accadeva negli anni Cinquanta, attraverso il grande apprendistato costituito dal documentario che, nel caso di Zurlini, va da Racconto del quartiere (1950) a Pugilatori (1952), da Il blues della domenica (1952) a Serenata di un soldato (1953), da il mercato delle facce (1952) a Stazione (1953), che per temi e toni prefigurano i tratti essenziali della poetica dell'autore nella sua maturità.

Le immagini perdute di Valerio Zurlini

DE GIUSTI, LUCIANO
1984

Abstract

Ricognizione sulla formazione d'autore di un regista, Valerio Zurlini, avvenuta, come frequentemente accadeva negli anni Cinquanta, attraverso il grande apprendistato costituito dal documentario che, nel caso di Zurlini, va da Racconto del quartiere (1950) a Pugilatori (1952), da Il blues della domenica (1952) a Serenata di un soldato (1953), da il mercato delle facce (1952) a Stazione (1953), che per temi e toni prefigurano i tratti essenziali della poetica dell'autore nella sua maturità.
Pubblicato
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2552451
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact