Bobbio su scienza e giurisprudenza: una rilettura