L'antibiogramma quantitativo: che valore nel controllo delle infezioni nosocomiali?