Cornelio Fabro e Franz Brentano: una comune difesa del realismo gnoseologico aristotelico