Il danno esistenziale preso sul serio