Corpora cavernosa divisa: una patologia sottostimata?