Su Giulio Carpioni: una nota, due dipinti e un dubbio