«Un prodigio di possa, e saper». La figura del Libero Muratore ideale nella poesia francese e italiana tra Sette e Ottocento