Il canonico Mattia Capellari, «come fratello»