Tertium non datur: sulla pretesa autonomia concettuale degli asserti distaccati