Su alcune vedute urbane di Carlo Grubacs e Tranquillo Orsi