Arte e committenza pubblica: il caso di Arsia