La pratica della preghiera viene analizzata nei termini della teoria degli atti linguistici. Dopo una introduzione che chiarisce quali aspetti della teoria saranno utilizzati , si discutono l'effetto convenzionale del pregare e gli assunti che lo accompagnano, passando poi a considerare la dimensione testuale della preghiera. L'analisi fa riferimento al contesto religioso cristiano-cattolico.

La preghiera come atto illocutorio

SBISA', MARINA
2013-01-01

Abstract

La pratica della preghiera viene analizzata nei termini della teoria degli atti linguistici. Dopo una introduzione che chiarisce quali aspetti della teoria saranno utilizzati , si discutono l'effetto convenzionale del pregare e gli assunti che lo accompagnano, passando poi a considerare la dimensione testuale della preghiera. L'analisi fa riferimento al contesto religioso cristiano-cattolico.
http://fogli.centrostudicampostrini.it/index.php/FogliCampostrini/issue/view/8
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11368/2769329
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact