La preghiera come atto illocutorio