La pratica della preghiera viene analizzata nei termini della teoria degli atti linguistici. Dopo una introduzione che chiarisce quali aspetti della teoria saranno utilizzati , si discutono l'effetto convenzionale del pregare e gli assunti che lo accompagnano, passando poi a considerare la dimensione testuale della preghiera. L'analisi fa riferimento al contesto religioso cristiano-cattolico.

La preghiera come atto illocutorio

SBISA', MARINA
2013

Abstract

La pratica della preghiera viene analizzata nei termini della teoria degli atti linguistici. Dopo una introduzione che chiarisce quali aspetti della teoria saranno utilizzati , si discutono l'effetto convenzionale del pregare e gli assunti che lo accompagnano, passando poi a considerare la dimensione testuale della preghiera. L'analisi fa riferimento al contesto religioso cristiano-cattolico.
http://fogli.centrostudicampostrini.it/index.php/FogliCampostrini/issue/view/8
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2769329
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact