Il problema della relazione fra immigrazione e criminalità ha sempre costituito un tema importante nella ricerca criminologica ed ha spesso suscitato controversie fra gli studiosi. Circa cinquanta anni fa Franco Ferracuti interpretò la criminalizzazione degli immigrati come la conseguenza di una reazione xenofoba e questa spiegazione venne condivisa dalla maggior parte dei criminologi. Tuttavia i profondi cambiamenti nei fenomeni migratori intervenuti negli ultimi decenni hanno suscitato forte allarme nei Paesi europei e numerosi Autori ritengono che quelle conclusioni non siano più sostenibili. I dibattiti appaiono fortemente condizionati dalle diverse posizioni ideologiche, un aspetto che è stato già presente in forme evidenti in altre fasi storiche cruciali. L’Autore ricostruisce la polemica sull’immigrazione che – con argomentazioni per certi versi simili alle attuali – si accese negli Stati Uniti circa un secolo fa. Fra i leader del movimento restrizionista (Immigration Restriction League) vi furono molti illustri accademici nel campo delle scienze sociali e naturali, alcuni dei quali docenti a Harvard, a Princeton o a Yale. Essi ritenevano che l’immigrazione fosse ormai divenuta una grave minaccia per la stabilità e il benessere della società americana in ragione dell’enorme percentuale di soggetti pericolosi e “degenerati” presenti fra gli stranieri accolti negli Stati Uniti. Proprio alcuni concetti elaborati dalla scuola lombrosiana – in particolare quello di atavismo biologico e sociale – esercitarono un ruolo indiretto ma rilevante nelle tesi dei sostenitori del restrizionismo.

Migrazioni e criminalità nella storia della criminologia. Le vicende della Lega per la restrizione dell'immigrazione negli Stati Uniti

MARTUCCI, PIERPAOLO
2014

Abstract

Il problema della relazione fra immigrazione e criminalità ha sempre costituito un tema importante nella ricerca criminologica ed ha spesso suscitato controversie fra gli studiosi. Circa cinquanta anni fa Franco Ferracuti interpretò la criminalizzazione degli immigrati come la conseguenza di una reazione xenofoba e questa spiegazione venne condivisa dalla maggior parte dei criminologi. Tuttavia i profondi cambiamenti nei fenomeni migratori intervenuti negli ultimi decenni hanno suscitato forte allarme nei Paesi europei e numerosi Autori ritengono che quelle conclusioni non siano più sostenibili. I dibattiti appaiono fortemente condizionati dalle diverse posizioni ideologiche, un aspetto che è stato già presente in forme evidenti in altre fasi storiche cruciali. L’Autore ricostruisce la polemica sull’immigrazione che – con argomentazioni per certi versi simili alle attuali – si accese negli Stati Uniti circa un secolo fa. Fra i leader del movimento restrizionista (Immigration Restriction League) vi furono molti illustri accademici nel campo delle scienze sociali e naturali, alcuni dei quali docenti a Harvard, a Princeton o a Yale. Essi ritenevano che l’immigrazione fosse ormai divenuta una grave minaccia per la stabilità e il benessere della società americana in ragione dell’enorme percentuale di soggetti pericolosi e “degenerati” presenti fra gli stranieri accolti negli Stati Uniti. Proprio alcuni concetti elaborati dalla scuola lombrosiana – in particolare quello di atavismo biologico e sociale – esercitarono un ruolo indiretto ma rilevante nelle tesi dei sostenitori del restrizionismo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2774723
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact