L'articolo analizza la traiettoria personale, politica e professionale di Betty Friedan, autrice di uno dei più importanti testi del femminismo americano della seconda ondata, "La mistica della femminilità". Rintraccia le continuità tra il suo attivismo politico del secondo dopoguerra e quello degli anni Trenta, e i nessi tra le sue riflessioni femministe e quelle proprie dei cosiddetti "social critics".

La critica sociale negli Stati Uniti degli anni ’50: Betty Friedan e La mistica della femminilità

BINI, ELISABETTA
2002-01-01

Abstract

L'articolo analizza la traiettoria personale, politica e professionale di Betty Friedan, autrice di uno dei più importanti testi del femminismo americano della seconda ondata, "La mistica della femminilità". Rintraccia le continuità tra il suo attivismo politico del secondo dopoguerra e quello degli anni Trenta, e i nessi tra le sue riflessioni femministe e quelle proprie dei cosiddetti "social critics".
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11368/2810131
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact