L'articolo analizza l'importanza della fotografia come strumento di diplomazia culturale durante la guerra fredda. In particolare, si sofferma sul caso della United States Information Agency (USIA), che assegnò un ruolo centrale alla fotografia, nelle molteplici esposizioni e pubblicazioni distribuite a livello mondiale e volte a presentare la superiorità della cultura americana, in funzione anticomunista.

Fotografia e diplomazia culturale: il caso della United States Information Agency (USIA) durante la guerra fredda

BINI, ELISABETTA
2006-01-01

Abstract

L'articolo analizza l'importanza della fotografia come strumento di diplomazia culturale durante la guerra fredda. In particolare, si sofferma sul caso della United States Information Agency (USIA), che assegnò un ruolo centrale alla fotografia, nelle molteplici esposizioni e pubblicazioni distribuite a livello mondiale e volte a presentare la superiorità della cultura americana, in funzione anticomunista.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11368/2810136
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact