Fotografare la guerra d’Algeria: tra censura di stato e fotogiornalismo