A fronte di interventi da parte dei media, espressi in tono polemico e scandalizzato, in riferimento ad una sentenza della Corte di Cassazione che avrebbe asserito che la violenza sessuale viene giustificata se commessa in stato di ubriachezza, viene analizzata in dettaglio la pronuncia che, invero, non afferma affatto quanto rilevato, mettendo, invece, in evidenza la responsabilità e la competenza professionale del cronista di "giudiziaria".

Se i mass media travisano la Cassazione: una questione di professionalità del cronista di "giudiziaria"

PITTARO, PAOLO
2014-01-01

Abstract

A fronte di interventi da parte dei media, espressi in tono polemico e scandalizzato, in riferimento ad una sentenza della Corte di Cassazione che avrebbe asserito che la violenza sessuale viene giustificata se commessa in stato di ubriachezza, viene analizzata in dettaglio la pronuncia che, invero, non afferma affatto quanto rilevato, mettendo, invece, in evidenza la responsabilità e la competenza professionale del cronista di "giudiziaria".
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11368/2827333
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact