L'articolo si apre con la presentazione dell'idea di Sarajevo come una "città interiore" proposta dallo scrittore bosniaco Djevad Karahasan. Si analizza il "sistema drammatico" che caratterizza la città fatto di rapporti intrecciati e di mutui riconoscimenti e contrasti. All'interno di questo sistema si inserisce la comunità sefardita di Sarajevo, la sua lingua, cultura e letteratura. Si presentano alcuni esempi tratti dai racconti brevi di Laura Papo Bohoreta e Avram Romano Buki. Si riflette anche sul mosaico linguistico che è il "judeoespañol" della Bosnia. Chiude l'articolo la trascrizione e traduzione italiana fatta dall'autrice dell'articolo del primo episodio del racconto "Morena" di Laura Papo Bohoreta.

Sarajevo, Saraj, Bosna i Hercegovina: quell'Europa diversa e inattesa

PRENZ, ANA CECILIA
2014

Abstract

L'articolo si apre con la presentazione dell'idea di Sarajevo come una "città interiore" proposta dallo scrittore bosniaco Djevad Karahasan. Si analizza il "sistema drammatico" che caratterizza la città fatto di rapporti intrecciati e di mutui riconoscimenti e contrasti. All'interno di questo sistema si inserisce la comunità sefardita di Sarajevo, la sua lingua, cultura e letteratura. Si presentano alcuni esempi tratti dai racconti brevi di Laura Papo Bohoreta e Avram Romano Buki. Si riflette anche sul mosaico linguistico che è il "judeoespañol" della Bosnia. Chiude l'articolo la trascrizione e traduzione italiana fatta dall'autrice dell'articolo del primo episodio del racconto "Morena" di Laura Papo Bohoreta.
http://www.interculturalita.it/files/si-2014-3.pdf
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2830301
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact