Le agenzie di rating del credito (Credit Rating Agencies — CRAs) hanno nel tempo esercitato, e tuttora esercitano un’incisiva forza di orientamento delle scelte finanziarie, pubbliche e private. Ciò spiega perché, non da oggi, il problema del regime giuridico appropriato per la disciplina di questi soggetti rivesta un’importanza primaria, anche in vista della credibilità e affidabilità delle informazioni confezionate dalle stesse agenzie. Nel corso del tempo, la letteratura si è concentrata soprattutto sulla loro indipendenza e sull’adeguata gestione dei possibili conflitti di interesse. È solo allo scatenarsi della crisi finanziaria che le agenzie hanno cominciato a essere bersaglio di critiche incisive e diffuse. Il dibattito ha allora rivitalizzato l’attenzione per le questioni summenzionate, affiancandovi gli strali diretti, non solo ai ritardi nell’adattare i rating alle concrete prospettive del mercato e delle singole entità valutate, ma anche al rischio, cui troppo spesso le agenzie si esporrebbero, di compromettere la qualità delle loro prestazioni in vista della conquista, o della difesa di quote di mercato. Oggi è chiaro ai più come le radici dei fenomeni criticati si ritrovino nell’inadeguatezza e nelle lacune del regime giuridico che ha fin qui disciplinato le attività delle agenzie.

Le agenzie di rating fra immunità e responsabilità

BUSSANI, Mauro
2014

Abstract

Le agenzie di rating del credito (Credit Rating Agencies — CRAs) hanno nel tempo esercitato, e tuttora esercitano un’incisiva forza di orientamento delle scelte finanziarie, pubbliche e private. Ciò spiega perché, non da oggi, il problema del regime giuridico appropriato per la disciplina di questi soggetti rivesta un’importanza primaria, anche in vista della credibilità e affidabilità delle informazioni confezionate dalle stesse agenzie. Nel corso del tempo, la letteratura si è concentrata soprattutto sulla loro indipendenza e sull’adeguata gestione dei possibili conflitti di interesse. È solo allo scatenarsi della crisi finanziaria che le agenzie hanno cominciato a essere bersaglio di critiche incisive e diffuse. Il dibattito ha allora rivitalizzato l’attenzione per le questioni summenzionate, affiancandovi gli strali diretti, non solo ai ritardi nell’adattare i rating alle concrete prospettive del mercato e delle singole entità valutate, ma anche al rischio, cui troppo spesso le agenzie si esporrebbero, di compromettere la qualità delle loro prestazioni in vista della conquista, o della difesa di quote di mercato. Oggi è chiaro ai più come le radici dei fenomeni criticati si ritrovino nell’inadeguatezza e nelle lacune del regime giuridico che ha fin qui disciplinato le attività delle agenzie.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2837445
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact